Emilio Isgrò - Artista

Emilio Isgrò

Artista

Artista concettuale e pittore - ma anche poeta, scrittore, drammaturgo e regista - quello di Emilio Isgrò è uno dei nomi dell’arte italiana più conosciuti a livello internazionale. A partire dagli anni Sessanta, ha dato vita a un’opera tra le più rivoluzionarie e originali, che gli ha valso diverse partecipazioni alla Biennale di Venezia e il primo premio alla Biennale di San Paolo (1977). Nel 1956 esordisce con la raccolta di poesie Fiere del Sud. Nel 1964 realizza le prime cancellature su enciclopedie e libri contribuendo alla nascita e agli sviluppi della poesia visiva e dell'arte concettuale. Nel 1966 tiene la prima mostra personale alla Galleria 1+1 di Padova. Nel 1990 elabora un nuovo testo teorico dal titolo Teoria della cancellatura per la personale alla Galleria Fonte d’Abisso di Milano. Del 1998 è il
gigantesco Seme d’arancia, donato alla città natale Barcellona di Sicilia come simbolo di rinascita sociale e civile per i paesi del Mediterraneo. Nel 2015 crea Il Seme dell’Altissimo, una scultura in marmo di 7 metri d’altezza, collocata all'interno dell'Expo di Milano. Emilio Isgrò debutta a Londra e Parigi con la Galleria Tornabuoni che apre due importanti esposizioni che ripercorrono la sua carriera artistica. Nel 2018 Isgrò inaugura la monumentale opera “Monumento all’Inferno”. Ad aprile espone in Belgio in una doppia personale che lo vede protagonista insieme a Christo. 

Fonte: www.emilioisgro.info
Foto di Lorenzo Palmieri

Presente ai seguenti appuntamenti:

  • 10:00
  • Sala Stampa
  • 21 Set.

Quel che resta di Dio


  • 12:00
  • Palazzo Vallemani, Sala degli Sposi
  • 22 Set.

Conversazione sulla parola