Cristina Galassi - Professore associato di Storia della Critica d’Arte

Cristina Galassi

Professore associato di Storia della Critica d’Arte

Professore associato di Storia della Critica d’Arte presso l’Università di Perugia, dove insegna anche Storia della critica e del collezionismo. Dopo la laurea a Perugia si è specializzata in Storia dell’Arte Medievale e Moderna presso la Sapienza di Roma, vincendo una borsa triennale del MIUR; quindi è stata borsista presso la Fondazione Roberto di Longhi di Firenze. E stata docente presso l’University of Alberta (Canada), sede di Cortona; è membro del Dottorato di ricerca in "Storia, arti e linguaggi nell'Europa antica e moderna" dell’Università di Perugia. Ha fatto parte di numerosi progetti di ricerca PRIN ed ha vinto il PRIN 2008, con il progetto:“L’Iconologia di Cesare Ripa”. E’ condirettore della rivista “Fontes”, fa parte dei comitati scientifici di “Rivista d’Arte”, “Studi di Storia dell’Arte”, “Annali di Critica d’Arte”, della Collana di Storia dell’Arte Moderna dell’editore Aracne. E’ condirettore della rivista internazionale di Studi “Birgittiana” ed è referee della rivista on line TeCLA (Temi di Critica e letteratura artistica). E’ Direttore del Centro di Ateneo per i Musei Scientifici dell’Università degli Studi di Perugia e consigliere della Fondazione per l’Istruzione Agraria di Perugia. Si è occupata di storiografia artistica, in particolare fra Sette e Ottocento, biografie d’artisti, letteratura di viaggio, riviste d’arte, museologia, con particolare attenzione per l’area umbra. I suoi studi hanno anche incluso numerose pubblicazioni su argomenti di scultura lignea e storia dell’arte umbra, con un’attenzione particolare per le dinamiche del collezionismo, della dispersione e della conservazione del patrimonio artistico, per la ricostruzione dei contesti storico-letterari, dell’iconografia e dell’iconologia dei cicli pittorici e della committenza delle opere d’arte, nonché sull’Iconologia di Cesare Ripa e l’arte umbra. Autrice di monografie sugli affreschi di Palazzo Trinci a Foligno, sulle requisizioni napoleoniche in Umbria, sullo scultore Nero Alberti da Sansepolcro, sull’artista manierista Nicolò Circignani detto il Pomarancio, su Giovan Battista Salvi detto il Sassoferrato, e recentemente sull’artista Fabio della Corgna (2017), ha partecipato e organizzato numerosi convegni nazionali e internazionali, curandone poi i rispettivi atti, ha fatto parte del comitato scientifico e ha curato numerose mostre di storia dell’arte: tra le ultime si segnalano quelle dedicate a Giovanni Battista Salvi detto il Sassoferrato, tenutasi nel 2017 nel complesso di San Pietro e Tutta l’Umbria una mostra presso la Galleria Nazionale dell’Umbria (2018). Membro della CUNSTA, Consulta universitaria di Storia dell’Arte, è Tesoriere Nazionale della Società Italiana di Storia della Critica d’Arte. Autrice di 261 pubblicazioni.