Luigi Ciotti - Presidente di Libera

Luigi Ciotti

Presidente di Libera

Sacerdote, don Luigi Ciotti fonda, nel 1965, un gruppo con l'obiettivo di aiutare i disadattati e i drogati per strada, che due anni dopo prende il nome di Gruppo Abele. Entra in seminario nel 1972, e viene ordinato sacerdote dal cardinale Michele Pellegrino che, come parrocchia, gli affida la strada. Proprio sulla strada, nel 1973, inaugura il “Centro Droga” di Via Verdi, luogo di accoglienza e ascolto per giovani con problemi di tossicodipendenza. In quegli stessi anni, all'accoglienza delle persone in difficoltà, l'associazione comincia ad affiancare l'impegno culturale con un centro studi, una casa editrice e l'“Università della strada”, e “politico” con mobilitazioni, per costruire diritti e giustizia sociale. Il Gruppo Abele non si occupa solo di droga, ma del disagio sociale nel modo più ampio possibile. A partire dal 1979 il Gruppo si apre anche alla cooperazione internazionale. Nel 1982 don Ciotti contribuisce alla nascita del Coordinamento nazionale delle comunità di accoglienza, presiedendolo per dieci anni, e nel 1986 partecipa alla fondazione della Lega italiana per la lotta contro l’Aids per la difesa dei diritti delle persone sieropositive, della quale pure sarà presidente. Negli anni novanta l'impegno di don Ciotti si allarga al contrasto alla criminalità organizzata, fonda il mensile Narcomafie e il coordinamento di Libera. Nel 2012 riceve il Premio Nazionale Nonviolenza conferito dall'Associazione Cultura della Pace e nel 2014 la laurea honoris causa in scienze delle comunicazioni all'università degli studi di Milano. (Fonte: www.wikipedia.org)